Oggi vi racconto come da un semplice incontro di lavoro può nascere una idea e un start-up innovativa partendo da una semplice analisi e individuazione di una domanda di mercato.

Vi racconterò come da un semplice appuntamento nato per una esigenza banale, il pomeriggio si sia concluso con una idea di start-up decisamente innovativa. Certo non vi racconterò l’idea che ne è scaturita ma il processo che ha portato ad essa, alla strategia e alla realizzazione di un progetto di web marketing e di come l’inbound marketing possa risollevare le sorti di un’azienda.

Un giorno come tanti un cliente al quale avevamo fornito servizi diversi dal web, ci chiamò con una delle tante richieste che ci capita ricevere.

“Salve, è un po’ che non ci sentiamo.
Avrei bisogno di incontrarvi perché devo rifare il sito che mi aveva fatto la mia vecchia agenzia. Sa è passato un po’ di tempo!”

Ok, appuntamento fissato.

Saluti di rito e inizia il dialogo e soprattutto la nostra intervista per capirne le ragioni.
Si, il sito è obsoleto e necessita di interventi… il dialogo prosegue e ci rendiamo conto che il cliente ha in mente l’ennesimo restyling di “sito brochure” che non porterà a niente, se non ad una sua personale soddisfazione estetica e un vanto inutile con i suoi colleghi e amici.

Settore arredamento e edilizia…

Ascoltiamo attentamente e comincio a sottoporre al cliente alcune gentili obiezioni.

Guardi se vuole un consiglio, negli ultimi 4 anni (tempo trascorso da quando fece il suo sito), sono cambiate molte cose e il web non è più lo stesso……. il suo sito deve essere pensato e progettato per generare opportunità di business per la sua azienda, deve essere estremamente operativo e finalizzato a generare richieste.
Se vuole proviamo a fare un quadro della situazione per fare in modo che il suo sito venga posizionato in base ad un obiettivo e adottando una strategia precisa sulla base di una richiesta di mercato (inbound marketing).

Il cliente è sembrato ben predisposto e accetta una discussione in merito.

Allora chiedo: “mi spieghi bene come si svolge il vostro lavoro, quali sono i servizi che offrite e come”.
Risposta: Edilizia, Impianti, Solare, Ristrutturazioni ecc. Lavoriamo principalmente per…….
Nel frattempo che il cliente parla continuando ad ascoltarlo attentamente, eseguo una serie di ricerche su Google Adwords per capire, dati alla mano, la richiesta sul web delle informazioni e delle parole “chiave” che il cliente mi sta sciolinando nel suo descrivere.
“Ok, guardi.. i suoi clienti o possibili tali in questo momento cercano questo… siete in grado di offrire questo servizio, fa parte del vostro core business?”

Risposta: assolutamente SI!!

startup-jamedia

Perfetto: allora cominciamo a ragionare su questi aspetti e studiamo una strategia e un progetto finalizzato all’acquisizione di questo target… INSIEME!!

Non mi voglio dilungare troppo nel racconto, ma anche solo questo iniziale approccio ha permesso di trasformare una esigenza banale e che non avrebbe portato ad alcun risultato a una prospettiva di crescita molto importante:

Risultato: Progetto start-up innovativo nel settore ristrutturazione su un target ben specifico dove la richiesta è molto alta e l’offerta pari a zero.
Ideazione di un servizio assolutamente inesistente sul mercato ma a fronte di una notevole richiesta di mercato
Registrazione immediato di un nuovo dominio (disponibile) diverso da quello del cliente.
Operatività immediata a sviluppare il progetto e la strategia da adottare.

Certo a questo “breve” incontro seguiranno altre verifiche e il progetto e la strategia verranno sviluppati nel dettaglio.

L’appuntamento si è protratto per 4 ore… usciti stremati, ma contenti di aver avviato un lavoro importante, di aver dato un valore immenso alla nostra professione e di aver dato grandi prospettive ad un imprenditore che fino a quel giorno ne aveva poche!!

Quest’ulteriore esperienza sul campo fa capire tante cose:

  1. Il nostro lavoro è anche trasmettere e informare il cliente sulle tendenze e le nuove tecniche per fare marketing offrire una consulenza iniziale per indirizzare l’imprenditore sulle scelte più corrette.

  2. Bisogna capire il mercato e ottenere le informazioni per sapere quale è la domanda.
    In questo la rete ci offre grandi possibilità che prima non erano permesse.

  3. In quel breve tempo in cui il cliente parlava e descriveva la sua attività, ho potuto verificare velocemente se le sue attività incontravano riscontro di domanda e indirizzare la scelta del servizio migliore su cui puntare gli sforzi.

  4. Metterci una buona dote di creatività (se professionalità, aggiornamento, esperienza, capacità tecniche e creatività si fondono insieme i risultati possono essere sorprendenti)

  5. Insegna che spesso il cliente (e questo capita anche in grandi aziende) non ha idea delle nuove prospettive che oggi la rete può offrire ad una azienda.

Insegna a molti colleghi, che hanno la pretesa che il cliente arrivi con il progetto e la strategia già decisa e pianificata, di mettersi dalla sua parte e capire che loro si aspettano questo da noi. Certo questo può accadere, ma è molto raro. Crediamo di più che la strategia e una nuova idea su cui investire per stimolare la crescita dell’azienda nasca dal dialogo e dall’insieme di molti aspetti.

A noi e ai nostri colleghi insegna che quel cliente probabilmente non ci lascerà mai, perché ha capito il valore di un rapporto.

Si la domanda sorge spontanea.
E se quel cliente adesso che sa cosa deve fare lo fa con un altro fornitore?

Non credo possa accadere!!

Hai un’idea per una start-up o cerchi un’idea per rilanciare la tua azienda? Contattaci