Come utilizzare analisi dei dati e strategia per sviluppare un progetto sul web. Quale relazione esiste e dove trovarli per trovare conferme alle nostre idee e dar vita a un progetto.

Analisi dei dati e strategia: come utilizzare i dati

Perchè i dati sono fondamentali per la tua strategia web?

Qualsiasi sia il vostro progetto e in qualsiasi siate soliti operare, poter contare su un’analisi dei dati è il punto chiave di qualsiasi attività di marketing.
Anche nel web, proprio perché estremamente legato oggi alla sfera del marketing aziendale, analisi dei dati e strategia diventano attività e concetti estremamente importanti e tra di loro attinenti.

Si tende spesso a sottovalutare questo passaggio buttandosi il più delle volte a testa bassa nella realizzazione di un sito web, pensando erroneamente che basti fare mente locale su cosa si voglia raccontare della propria azienda accumulando materiale da scaricare alla web agency di turno.

Il punto è che l’analisi dei dati è strettamente legata alla realizzazione di un progetto per il web e in parole povere alla realizzazione di un sito e si basa su tre dati di fatto incontrovertibili:

1) Il web oggi è strettamente attinente l’attività di marketing di un’azienda
2) Qualsiasi azione nel mercato si basa su una valutazione analitica dei dati
3) Nessun progetto web vi porterà risultati se non rappresenta l’applicazione di una strategia in quanto conseguenza di un’analisi.

Ecco perchè i dati diventano fondamentali per pensare ad un progetto che sia frutto di una strategia finalizzata a un macro obiettivo: trovare nuovi clienti.

I due obiettivi antecedenti quello finale, cioè trovare nuovi clienti, possono essere:
promuovere l’attività  dell’azienda e i suoi prodotti/servizi
promuovere un singolo prodotto/servizio.

Non è detto infatti che un progetto web debba per forza essere attinente l’intera attività dell’azienda, ma può riguardare anche lo sviluppo di una particolare nicchia di mercato dedicato ad un singolo prodotto.

Non è raro infatti rilevare come, ad esempio, nella grande distribuzione venga sviluppato un progetto per promuovere una linea di prodotti o addirittura un singolo prodotto, come per la linea “Pan di Stelle” della Barilla. 

A questo punto chiarito il fatto che per decidere se vale la pena investire in progetto e per sapere come poterlo sviluppare servono dei dati su cui ragionare, quali dati vi serviranno e come ottenerli?

analisi dei dati e strategia

Quali dati vi saranno utili per sviluppare un progetto?

Oggi la risposta a questi interrogativi arriva direttamente dal web, dove i consumatori si muovono con disinvoltura per cercare e scegliere il prodotto che acquisteranno.
Attraverso un’analisi possiamo avere sotto mano molti dati che ci diranno cosa possiamo fare e grazie all’aiuto di un esperto di digital marketing come poterlo fare..
Grazie all’analisi potremmo sapere:

  • Se e come i competitor stanno sviluppando una strategia :
  • Quali termini vengono utilizzati dagli utenti per cercare il vostro prodotto
  • I volumi di ricerca, cioè il numero di ricerche mensili eseguite con una specifica chiave
  • Quali chiavi di ricerca utilizzano per la loro strategia i vostri competitor
  • Le opportunità di crescita per una determinata chiave di ricerca

… e molti altri dati tutti utilissimi per valutare un investimento e studiare un progetto o funnel o sviluppare un’attività di info marketing che abbia specifici target e obiettivi.

analisi e strategia adwords

Schermata dello strumento parole chiave in Google Ad-Words

Recuperare i dati e analizzarli in modo approfondito non è cosa semplice e richiede risorse e competenze di un certo tipo. Ma ci sono alcune piccole azioni che ognuno di noi può fare per capire se il nostro prodotto o servizio può trovare on line un canale e un pubblico tale da giustificare lo studio di una strategia. Potreste così avere già le idee chiare e portare al vostro web master una serie di informazioni molto utili: a lui poi il compito di verificarle e approfondirle.

Una delle attività facilmente organizzabili è quella di creare un account Google AD-Words, nel quale troverete uno strumento chiamato “pianificazione delle parole chiave” grazie al quale potrete facilmente seguire ricerche specifiche ed avere dati in vostro possesso molto utili.

Esistono poi altri strumenti generalmente utilizzati da chi lavora nel settore specifico come SEO ZOOM o Sem Rush oppure ancora Answer the Pubblic.

Attenzione a “leggere” bene i volumi di ricerca

Attenzione, volumi alti di ricerca elevati non devono per forza indicare che quelle chiavi siano le migliori per la vostra strategia.
L’analisi dei dati è fondamentale per la vostra progettazione e la vostra strategia di marketing on line perché i dati ottenuti potranno giustificare la bontà delle vostre idee e potreste avere interessanti sorprese. Insieme ai volumi di ricerca infatti l’altro dato fondamentale è la competizione su una determinata chiave. Se una chiave presenta al ti volumi ma molte persone stanno lavorando su quella chiave questo indicherà una maggiore difficoltà a d ottenere risultati in SERP.

Quindi attenzione, pensateci, la vostra strategia potrebbe essere sviluppata su quelle parole che hanno una ricerca mediamente elevata ma un livello di competizione basso, magari portandovi a scoprire nicchie di mercato di cui neanche pensavate l’esistenza e comunque a raggiungere il medesimo risultato ma lavorando su più chiavi con minori volumi ma maggiore possibilità di scalare la classifica di Google.

Relazione tra chiavi di ricerca e contenuti da creare sul sito

Le chiavi di ricerca rappresentano i termini e le parole (o frasi) con cui le persone cercano on line un determinato prodotto/servizio e si differenziano tra corte e chiavi coda lunga
(short tail e long tail).
Conoscerle vi consentirà di creare una strategia, ma anche di sapere quali contenuti dovrete curare sul vostro futuro sito in modo da poterlo posizionare on-line intercettando le ricerche organiche degli utenti. Il punto chiave è creare contenuti che utilizzino gli stessi termini degli utenti o altri termini attinenti a quello specifico argomento.
Questo però sarà il compito principale dell’agenzia o SEO Strategist a cui vi rivolgerete, la/il quale a tavolino insieme a voi, studierà le migliori azioni e contenuti da sviluppare sulla base di un “piano editoriale”.

Non interrompere mai l’analisi dei dati

Ricordate sempre che l’analisi dei dati non si interrompe con la consegna del progetto, ma è un’attività prioritaria che svolge un’azione di verifica e correzione della strategia nel tempo per raggiungere gli obiettivi di volta in volta individuati con il management. Spesso si tende a commissionare un sito e pensare che il lavoro dell’agenzia finisca con la sua consegna. Ecco, niente di più sbagliato. Immaginate a quello che si fa in borsa quando si investe sui titoli. Ecco l’azione di un SEO è molto, molto vicina a quel tipo di attività. Quotidianamente i parametri cambiano e le chiavi di ricerca si comportano esattamente come in borsa dove i titoli salgono e scendono sulla base delle richieste del mercato. L’investimento migliore è riuscire intercettare quei “titoli” o parole nel nostro caso, che presentano ancora valori di competizione bassi ma che si presume avranno un rendimento elevato in termini di posizionamento e ricerche degli utenti.
Questo è il compito di chi si occupa dell’analisi.

Tutto lo sforzo seguito nelle fasi di realizzazione del sito per posizionare pagine e contenuti potrebbero svanire nel giro di poche settimane. La concorrenza è viva più che mai e la vostra inoperatività andrà solo a vantaggio dei vostri competitor. Le pagine, in principio ottimizzate, finirebbero con il tempo nel dimenticatoio di Google magari in ventesima pagina. Vi ritroverete in questo caso con il vostro bel sito brochure, da far vedere solo a chi conosce in modo spedisco il vostro dominio.

La fiducia è alla base della riuscita di un buon progetto web

Progetto e strategia sono due concetti estremamente attinenti tra loro ma non vanno confusi.
Il progetto contiene l’obiettivo che si vuole raggiungere mentre la strategia sono le idee, i mezzi elettrici tecniche che metteremo in campo per raggiungere un determinato obiettivo.
L’uno è la traduzione in termini pratici e operativi dell’altro. In questo ambiente i due soggetti azienda e agenzia devono essere estremamente comunicativi tra di loro e le fiducia riposta a vicenda deve essere estrema.

Così come l’agenzia deve poter contare sulle informazioni trasferitegli per sviluppare il miglior progetto possibile, così il cliente deve fornire all’agenzia tutti i dati e obiettivi in essere all’azienda per poter raggiungere quell’obbiettivo specifico. Criticità e punti di forza dell’azienda devono essere messi a conoscenza dell’agenzia che potrà insieme ai dati in suo possesso sviluppare il migliore dei progetti.
Se il management di un’azienda in sede di briefing ha definito determinate scelte strategiche, la domanda migliore da porre alla vostra agenzia web è come il web e internet possono aiutarvi e se possono aiutarvi a raggiungere un determinato obiettivo. Se la riposta di chi conosce bene la rete sarà affermativa allora da quel momento si potrà aprire un dialogo il più possibile aperto riponendo nel vostro web project management il massimo della fiducia.